Le spiagge delle Maldive del Salento

A volte può capitare di scorgere sul web, in televisione, su riviste specializzate in viaggi e turismo, spiagge dall’acqua cristallina e dalle piccole onde, sabbia finissima, ma non sono i Caraibi o le Maldive, è l’italianissimo Salento!

Acque turchesi e spiagge candide: il Salento considerato alla pari delle Maldive

Non ha atolli tropicali e nemmeno un landscape delimitato da boschetti di palme eppure anche il Salento, in alcune località, presenta un mare talmente cristallino, con toni di azzurro che lentamente e docilmente si screziano di turchese sino al blu oltremare, ed una sabbia talmente candida e fine alla consistenza, da essersi guadagnato l’appellativo amorevole, ma veritiero per la bellezza espressa, di ‘Maldive del Salento’.
In queste località ioniche, la balneazione è facilitata dalla possibilità di trovare fondali sabbiosi e litorali composti da dune e da spiagge, al contrario di altre aree della regione, nelle quali le spiagge sono a volte rocciose e il fondale pure, per quanto siano comunque località dalle acque meravigliose, così i panorami e le possibilità di immergersi anche ricercando varietà ittiche grazie allo snorkeling.

Quali località s’intendono per ‘Maldive del Salento’?

Le reali località denominate ‘Maldive’ nella costa salentina sono state a volte confuse da turisti entusiasti di aree non propriamente circoscrivibili nell’appellativo di ‘Maldive del Salento’. Di tutta la costa leccese innanzitutto l’appellativo in oggetto riguarda la costa ionica in alcuni tratti.
Per geo-localizzarle meglio, queste località si trovano sulla direttrice costiera che da Gallipoli si reca verso Santa Maria di Leuca.
In località Pescoluse si trovano le spiagge così denominate e proprio il nome di uno stabilimento locale, famoso ed elegante struttura ricettiva, appunto lo stabilimento ‘Maldive del Salento’, ha generato questo appellativo meritato e dovuto per la splendida località in oggetto.

Le ‘Maldive del Salento’ s’incontrano solo a Pescoluse?

Qui la questione è controversa anche perché la costa è ricca di aree meravigliose. Per alcuni puristi della geografia di riferimento, non ufficiale ma in qualche modo ufficiosa, le ‘Maldive del Salento’ sono tipicamente l’area di Pescoluse, per altre persone l’area in oggetto si estende tra i territori compresi tra Torre Pali nella parte settentrionale della costa, in direzione Santa Maria di Leuca, sino alla località Torre Vado, in direzione Gallipoli, quindi a sud di Pescoluse.
Come raggiungere le località denominate Maldive del Salento? È molto semplice una volta raggiunto Lecce proseguite sulla comoda superstrada ss101 sino a Gallipoli dopodiché seguite le indicazioni Santa Maria di Leuca fino a Pescoluse, un percorso agevole che vi condurrà su spiagge e coste da cartolina.

Lascia un commento