Le spiagge del Salento a pericolo erosione

Da un ben po’ di tempo, i titolari dei lidi Salentini sono molto preoccupati, poiché spiagge come quelle di Alimini e Frassanito sono oramai devastate dalle forti mareggiate e dagli effetti che ne derivano e che, quindi, danno vita a fenomeni di erosione molto dannosi con l’avvicinarsi della stagione turistica. Così, per risolvere questo problema si sono richiesti degli interventi di risanamento sul litorale di Otranto; questi, peraltro, sono da considerarsi urgenti proprio perché la stagione calda è quasi alle porte. La Puglia, che certamente non può fare a meno delle sue splendide spiagge dalle sabbie bianche e dalle acque cristalline, soffre in particolar modo di questo fenomeno nella zona del Salento.

Stando a quanto è emerso dall’ultimo incontro svoltosi nel comune di Otranto tra gli operatori di Assobalneari Salento ed gli amministratori, l’importo per questo tipo di intervento ammonterebbe a 300 mila euro ed avrebbe lo scopo principale di spostare circa 60 mila metri cubi di sabbia dal fronte marino. Dai documenti, peraltro, si nota che i costi in questione dovranno esser sobbarcati dagli stessi operatori, mentre che il comune di Otranto dovrà occuparsi delle spiagge libere.

Come è oramai ben noto, questa zona della Puglia è molto sensibile dal punto di vista ambientale e solo un piano come quello di Assobalneari Salento potrebbe sistemare la situazione. Ma in cosa consiste questa “manutenzione” speciale della spiaggia? Il piano in questione prevede la ricostruzione dunale e rinascimento in modo tale da portare in equilibrio questa zona della spiaggia. Insomma, speriamo che questi interventi – lunghi e peraltro costosi – possano portare allo splendore le spiagge del Salento.

Lascia un commento